calendario

Giugno 2017
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom

1

2

3

4

5

6

7

8

9

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

29

30

archivio

Tot. visite contenuti : 416007

Sondaggi

Vota il sito
 












 39 visitatori online
Premiazione II° Concorso Fotografico Città di Pescara Stampa

Nella giornata del 4 giugno presso la struttura del Museo Vittorio Colonna - Pescara si è tenuta la premiazione del II° Concorso Fotografico città di Pescara. Le immagini riguardanti, come da tema del concorso, le manifestazioni abruzzesi. hanno destato molta curiosità da parte dei presenti che non conoscevamo molte di esse ed apprezzamento per la loro bellezza. Alla presenza dell'avv. Antonio Blasioli, sono stati premiati i vincitori e ringraziato tutti i partecipanti al concorso compresi gli intervenuti. Noi de La Genziana non possiamo che dire grazie a tutti e al prossimo concorso 2017. GUARDA LE IMMAGINI

 
La piccola dama di - Giovanni Sarrocco

Gli ospiti sono sempre ben accetti da un gruppo che gestisce un sito di notizie fotografiche. Diciamo grazie a Giovanni già altre volte nostro collaboratore e lo ringraziamo anche per la bella presentazione che ha fatto alla sua splendida bambuina. Auguri anche alla piccola Dama.

PICCOLA STORIA DI UNA PICCOLA DAMA
Salve a tutti. Propongo un mini reportage di pochi scatti sulla Cordesca che idealmente prosegue la serie di foto sulle attività del Sestiere Bonomini (ma in generale di tutti i borghi) prima della Giostra di Sulmona. Anche in questo caso ho provato a focalizzarmi più sul “dietro le quinte” che sulla parte spettacolare dell’evento e in questo senso ho scelto un punto di vista privilegiato (ma non facile) prendendo come soggetto della storia mia figlia, di sei anni, che per la  prima volta sfilava nel corteo storico. Spero quindi che questi pochi scatti rendano un po’ l’atmosfera di una giornata tipica di una damina che va a sfilare per la prima volta. Qualche doverosa notizia sulla manifestazione: La Cordesca è la giostra dei bambini delle elementari e medie e si svolge agli inizi di giugno. I ragazzi si sfidano come gli adulti cercando di infilare un anello con la lancia, con la differenza però che i contendenti corrono a piedi anziché stare a cavallo. Il termine Cordesca deriva dalla parola dialettale “Curdisce” che indica il frutto che matura per ultimo. GUARDA LE IMMAGINI

 
La foto del mese di giugno-Punta Aderci di - Errico Fioretti

Tagli obbligati molto ristretti, per descrivere con poche immagini Punta Aderci Riserva Naturale Regionale in provincia di Chieti. Parco incontaminato e verde, costa pulita e schiuma trasparente, flora verdeggiante e trabocchi che raccontanola storia dei vecchi pescatori. Con queste poche immagini Errico Fioretti ha espresso il suo pensiero guardando la spiaggia di Punta Penna, area naturale protetta dell'Abruzzo istituita già dal 1998. Luogo da visitare da dove la visuale spazia a 360° giungendo fino al Parco Nazionale della Maiella e in condizioni di buona visibilità fino al Parco Nazionale del Gran Sasso. Grazie Errico. GUARDA LE IMMAGINI.

 
I Banderesi di Bucchianico di - Alessandra Leone - Rossella Poggiali - Mirella Guarnieri

Da una vissuta ed amata giornata fra i Banderesi, di Rossella Poggiali - Alessandra Leone e Mirella Guarnieri. Descritta, raccontata, immaginata, attesa … ma la Festa dei Banderesi è molto di più delle narrazioni. E’ un tripudio di gioia e di entusiasmo, di collaborazione fra paese e contrade, di tradizioni e rituali vissuti e tramandati in una cornice di colori forti e vivi, in una creatività sconfinata. E’ la ricerca della protezione del Santo (Urbano) espressa attraverso i cesti infiorati, il pane, i carri, il vitello infiocchettato di rosso, le benedizioni e l’offerta dei ceri …. Le donne, orgogliose nei loro abiti stretti nei bustini, bellissime, con i loro cesti variopinti sul capo… ed i Banderesi, pronti a sfilare seri ed impettiti ma nel contempo goliardici nell’invocare il loro Santo Patrono, a girare molte volte per i vicoli e nelle piazzette semi nascoste del borgo. L’aspetto che, personalmente, mi ha più colpito, è l’attenzione e la cura che i padri, in special modo, hanno verso i propri figli in una sorta di Amore duplicato nella tradizione e per la tradizione dei Banderesi; un orgoglio antico che si perpetua su di loro. I Banderesini, vestiti di tutto punto, con i pennacchi coloratissimi, in fila o trasportati, stanchi, curiosi, partecipi, affettuosi, solidali, avvinghiati ai genitori, appassionati in un tutt’uno con la Festa e, poco importa se, addormentati, sfilano stremati nei passeggini o tra i fiori … e così, come nella leggenda che narra della strenua difesa (e vittoria) di Bucchianico dall’assalto di Chieti, oggi i Banderesi continuano, nella festa, la personale difesa di una tradizione che va oltre il tempo e l’assalto delle tecnologie, nel rimanere legati ad un passato imprescindibile, fatto di passione e senso civico. Alla prossima avventura, con gli amici de La Genziana. Alessandra. Bucchianico, maggio 2016. Alessandra Leone. GUARDA LE IMMAGINI



 
Collettiva soci Gruppo Fotografico La Genziana 2016 "Sinonimi e/o Contrasti"

Nella giornata di sabato 11 Giugno 2016 alle ore 18.00, presso la Libreria Fentrinelli Via Trento Pescara, sarà inaugurata la collettiva fotografica dei soci de La Genziana. Il tema molto impegnativo ha fatto si che i soci si adoperassero ad immaginare scenari, figure, oggetti e quant'altro attinenti al tema. Immagini ricercate in ogni angolo delle città, luoghi impensati, e scene costruite saranno visibili in 44 immagini esposte a partire da sabato 11 fino alla fine di giugno. Il nostro intendo è quello di vedere un folto pubblco come per le edizioni precedenti anche per discutere di fotografia come arte, cultura, tradizioni, e reportage. Vi aspettiamo per condividere con voi questo momento e se qualcuno non potessere essere presente può gustarsi le immagini cliccando su GUARDA LA IMMAGINI. GUARDA LA LOCANDINA

 
6° Concorso Fotografico Nazionale PREMIODECONTRA

Siamo al sesto anno e il Concorso Fotografico Nazionale PREMIODECONTRA non tramonta ma riesce a farsi breccia tra la giungla dei concorsi anno dopo anno. Ormai con l'organizzatrice Teresa Mirabella, ci si può aspettare di tutto, oltre al concorso molte altre attività correlate all'evento. Tema di quest'anno "TI SCATTO UNA CANZONE". Il bando allegato sarà pubblicato nei siti www.lagenziana.net www.uif-net.com Il tema parla chiaro, rappresentate con le foto i contenuti, le sensazioni, le emozioni di una canzone che a voi sta più a cuore e inviate le immagini per vincere bellissimi premi. GUARDA LA LOCANDINA SCARICA IL BANDO, SCARICA LA SCHEDA.

 
II° Concorso fotografico nazionale Città di Pescara - Foto Premiate - Segnalate - Ammesse

In data 15 maggio 2015 alle ore 08.45 si è riunita la giuria per la conclusione del II° Concorso Fotografico della città di Pescara avente come tema "Feste e Tradizioni Popolari Abruzzesi". Il concorso come lo scorso anno ha manifestato interesse non solo da parte degli abruzzesi ma anche da fotoamatori di diverse altre città italiane probabilmente giunti in Abruzzo lo scorso anno come turisti per far visita alla nostra regione. Il gruppo fotografico La Genziana di Pescara è onorato di portare avanti questo evento e vista l'affluenza spera che venga ripetuto negli anni futuri, per far si che il nostro Abruzzo sia sempre più popolato di visitatori. Le foto come si può vedere scorrendole hanno rappresentato in toto il tema descrivendo tante manifestazioni che forse qualche abruzzese addirittura ignora. La premiazione dei vincitori avverrà il 4 giugno alle ore 18.00 presso il Museo Vittorio Colonna Pescara con annessa mostra fotografica che sarà visitabile dal 04/06/2016 al 14/06/2016. Ringraziando in primis la Presidenza del Comune di Pescara nella persona di Antonio Blasioli che ha voluto fortemente che questa manifestazione fosse realizzata e tutti i partecipanti al concorso, diamo appuntamento al prossimo anno con un altro interessante tema. Leggi il verbale della giuria GUARDA LA STATISTICA GUARDA LE IMMAGINI

 
Tutti al parco per la "Giornata Europea dei Parchi"

Immergiamoci tutti in una strepitosa festa con tanti giochi e divertimenti. Insieme a grandi e piccini coloreremo il cielo di colori per la "Giornata Europea dei Parchi" che si terrà presso il Parco Calipari Pescara tra via Rigopiano e via Caduti di Nassirya vicino il Palazzetto dello Sport di via Rigopiano nel pomeriggio di martedì 24 maggio 2016 ore 17.30. Divertimento assicurato per tutti con il lancio di polveri colorate. Il gruppo fotografico La Genziana con il patrocinio del Comune di Pescara produrrà immagini della manifestazione e le foto saranno a disposizione di tutti i partecipanti alla festa. Vi aspettiamo per un evento irripetibile. GUARDA LA LOCANDINA

 
Il Parco della Speranza

Domenica 22 maggio presso il PARCO DELLA SPERANZA , Via Lago di Capestrano Pescara , dalle ore 16.00 alle ore 20.00 ci sarà l'evento organizzato dall'Arcidiocesi Pescara Penne Caritas Diocesana “FACCIAMO FESTA…ALLORA RESTA” A questo evento sono state invitate tutte le associazioni che operano nel quartiere , tra le quali LA GENZIANA. Come ho avuto modo di dirvi in una mia mail precedente, questo evento si colloca nel PROGETTO NINIVE riguardante tutto il territorio del quartiere e mira ad una maggior socializzazione degli stessi residenti sia tra di loro che verso altre realtà esterne attraverso varie attività: ludiche, sportive, sociali ecc. Invito quindi chi fosse libero da altri impegni  ad essere presenti, si invitano anche genitori e bambini.  Il presidente.  GUARDA LA LOCANDINA.

 
Coloriamo i cieli di Mirabella T. Maurizio A. Scannella R.

Coloriamo i cieli” a Castiglione del Lago (PG). Da quando, per caso, abbiamo scoperto questa spettacolare manifestazione, quasi tutti gli anni torniamo a Castiglione del Lago per trascorrere un fine settimana tra colori e spettacoli, tutti da fotografare. Quest’anno ci hanno seguiti nell’impresa anche altri due soci de’ La Genziana, Alfonso ed Enza, oltre alla nostra cagnolona Sharon. Si tratta di un raduno internazionale per amanti degli aquiloni, che loro chiamano con diversi nomi tecnici, ignoti a noi profani. Lungi dall’essere un gioco per ragazzi, la costruzione degli aquiloni, impegna adulti di ogni età che, con fantasia, competenza e passione, realizzano e fanno volare oggetti dalle forme più strane e improbabili, capaci di solcare e colorare i cieli, con nostra grande meraviglia. Il luogo in cui si tiene la manifestazione è la pianura di un vecchio aeroporto militare usato durante le guerre mondiali, ora dismesso, dove le caserme e i lugubri velivoli atti a portare morte e distruzione hanno ceduto posto ad un parco divertimenti. Immersa nel verde dei pini secolari, questa grande area, propizia alle correnti del vento, è luogo ideale per gli organizzatori che, insieme al WWF e la Lipu, offrono al pubblico varie attrazioni.

Leggi tutto...
 
Tutte le foto premiate del 6° Sambuca online

Si è concluso con grande successo il 6° Concorso Fotografico Nazionale Sambuca online. Di seguito riportiamo tutte le immagini che la giuria ha premiato e il verbale della stessa. GUARDA LE IMMAGINI LEGGI IL VERBALE

 
La primavera nell'Oasi di Ninfa - Gruppo fotografico La Genziana

VISITA DELL’OASI DI NINFA – GRUPPO FOTOGRAFICO LA GENZIANA – 10 APRILE 2016. La primavera è la stagione in cui si può ammirare la fresca bellezza della Natura che si risveglia. Quale luogo è più adatto per godere della vista e degli odori della primavera se non i Giardini di Ninfa? Così siamo partiti una domenica di aprile, di buon mattino, praticamente all’alba, per scoprire questo luogo incantevole dichiarato Monumento Naturale della Repubblica Italiana a Cisterna di Latina, al confine con Norma e Sermoneta. Ninfa, era un piccolo borgo medievale, il cui nome probabilmente deriva da un tempio di epoca romana, dedicato alle figure mitologiche delle Ninfe, preesistente su un isolotto del piccolo lago. Il borgo, dopo alterne vicende, è passato alla famiglia Caetani dal 1297 che costruì una torre, chiese e botteghe, ampliò il castello e rinforzò le mura. Nel 1381 Ninfa fu saccheggiata e distrutta dopo un duro assedio. Da allora non fu mai più ricostruita, la palude e la malaria allontanarono i pochi contadini che la abitavano lasciando solo dei ruderi che oggi fanno parte integrante della rigogliosa vegetazione. Dopo secoli di decadimento, Gelasio Caetani nel 1921 volle bonificare la zona e, man mano, iniziò a piantare le diverse specie botaniche che portava dai suoi viaggi all’estero. Iniziò così a dare vita ad un tipico giardino all'inglese, agevolato dal particolare microclima di Ninfa dove riescono a sopravvivere rigogliosamente varie specie di piante. I lavori di allestimento del giardino furono proseguiti della famiglia Caetani fino ad arrivare a Leila Caetani, ultima discendente senza eredi che chiude il casato durato oltre settecento anni. Nel 1976, un anno prima di morire, creò la Fondazione Roffredo Caetani di Sermoneta cui intestò il castello ed il giardino di 106 ettari. La Fondazione oggi gestisce il parco ed intorno al giardino è stata istituita un’oasi del WWF per la protezione della flora e della fauna del luogo.E’ bello visitare il giardino in ogni momento dell’anno perché assume un aspetto diverso a seconda della stagioni. La nostra gita è proseguita con la visita del paesino di Sermoneta, dove abbiamo gustato dei biscotti fragranti e gustosi prodotti da un forno artigianale, e della zona archeologica dell’Antica Norba, dall’alto della quale di può ammirare l’oasi di Ninfa nella sua interezza. GUARDA LE IMMAGINI

 
Aspettando Ovidio 2017 di - Paolo Di Menna

Paolo Di Menna, Presidente del Circolo Fotografico “Maia Peligna” di Sulmona (AQ), ci racconta tramite le sue immagini un evento a dir poco straordinario tenutosi a Sulmona lo scorso anno. Belle le sue immagini che descrivono tutta la bellezza della manifestazione. Ha chiesto di mostrarle sul nostro sito quasi con timore, ma noi siamo ben lieti di ospitare un caro amico e se vorranno anche altri membri del suo circolo più che numeroso e che a Sulmona è diventato ormai una realtà consolidata.. La sua personale è patrocinata UIF DIG/42016AQ/23. Questa una sua breve descrizione.“Aspettando Ovidio 2017” PIANO PIANO PER SULMONA Una grande festa dedicata al pianoforte. Il 21 e 22 agosto 2015, il pianoforte è stato il protagonista della cittadina ed ha risuonato negli angoli più suggestivi e nei più bei luoghi storici della città con concerti, eventi, appuntamenti. La sede principale è stata Piazza XX Settembre. Il Festival è stato aperto a tutti i generi musicali, dalla classica al jazz, dalla contemporanea al rock e al pop, con la partecipazione di concertisti professionisti, appassionati e studenti. L’evento è stato aperto a tutti i pianisti, professionisti e appassionati. È stato possibile esibirsi da solisti in piano oppure in formazioni con altri strumenti o cantanti. Tra un concerto e l’altro, per Sulmona girava una simpatica bicicletta a tre ruote che ospitava un pianoforte messo a disposizione dei più audaci che spesso si sono dimostrati all’altezza degli stessi professionisti del festival. L’idea di “Piano piano per Sulmona” è di far risuonare la musica del pianoforte lungo il Centro Storico di Sulmona.GUARDA LE IMMAGINI.

 
Risultati 4° Trofeo Circoli UIF 2016

Oggetto: Verbale giuria 4° Trofeo Circoli UIF 2016 “Similitudini e/o Contrasti”

Il giorno 9 aprile 2016 alle ore 15.00 presso la sede del gruppo fotografico La Genziana in via Lago di Capestrano 72, si è riunita la giuria del 4° Trofeo Circoli UIF dal tema: “Similitudini e/o Contrasti” per esaminare le foto giunte per il suddetto concorso. La giuria composta dai sigg. Antonio Buzzelli, Errico Fioretti, Remo Cutella, Roberto Scannella e Vittorio Toselli, riuniti per l'evento hanno votato all'unanimità il sig. Antonio Buzzelli quale presidente di giuria. A riguardo del modo in cui votare essi si sono orientati nel giudicare le foto con la seguente modalità: dare un punteggio da 1 a 10 ogni giurato per ogni foto del Circolo in esame ammettendo al concorso il circolo che avrebbe ricevuto un minimo di 30 punti e assegnando il Trofeo al circolo con più punti riportati. Nel caso in cui più Circoli avessero riportato uguale punteggio si sarebbe analizzato il numero maggiore di foto ammesse. I gruppi pervenuti all'ente organizzatore La Genziana sono stati N° 10, con un totale di 119 immagini, l'analisi delle foto si è protratta dalle 15.15 alle 17.00 e la giuria ha apprezzato la qualità delle immagini e l'attinenza delle foto al tema stabilito. A fine analisi i giurati si sono espressi con il seguente punteggio:PREMIO UNICO 4° Trofeo Circoli UIF 2016 al C. F. “PRISMA” di Scandicci FI con punti 203, C.F. SEGNALATO, SAONENSIS Savona con punti 176, C.F. SEGNALATO, SAN VINCENZO San Vincenzo LI con punti 132, altri circoli ammessi in ordine di punteggio: C.F. EASY- ABRUZZO FOTOCLUB Sulmona AQ con punti 126, C.F. TORRIA Chiusanico IM con punti 106, C.F. MAIAPELIGNA Introdacqua AQ con punti 102, C.F. FOTOLUPO Montelupo Fiorentino FI con punti 71, C.F. SAMBUCESE Sambuca di Sicilia AG con punti 64, CF. LA MELA VERDE Mallare SV con punti 33, C.F. ESPERA Roccavivone CN con punti 31. GUARDA LE IMMAGINI GUARDA LA STATISTICA

 
La foto del mese di aprile di - Laura Quieti
Scritto da Administrator   

Primavera è la stagione del risveglio della natura: l’improvviso sbocciare dei fiori, il volo degli uccelli migratori che fanno ritorno e la gioiosa danza di accoppiamento degli animali hanno sempre rappresentato un richiamo ancestrale molto potente, oltre che una fonte di inesauribile ispirazione per poeti e artisti. Nella mitologia dell’antica Roma al risveglio della natura era collegata Flora, la dea della nascita e della primavera, la regina di tutte le piante, comprese quelle commestibili, dea che veniva anche invocata per proteggere i bambini e per avere raccolti e fioriture rigogliose. Mi piace pensare che, in suo onore, i primi a sfidare i rigori di un inverno ormai passato sono i bucaneve, emergenti da tappeti di foglie secche, a cui fanno eco le violette odorose, le epatiche e le primule. Più in quota, là dove i boschi cedono il passo alle praterie, i crochi rompono il sottile strato di neve residua e si affacciano al sole assieme alle scille, mentre le viole calcarate chiazzano di giallo e indaco le zone rocciose e le genzianelle formano cuscinetti di un blu intenso. Le orchidee, regine tra i fiori selvatici, rendono preziosi i campi montani e quelli collinari: tra di esse le oprhys incantano per il loro fascino. Spesso sfuggono all’occhio distratto per via delle modeste dimensioni e dell’assenza di profumo, eppure rappresentano la più alta evoluzione del mondo vegetale. Occorre avvicinarsi e osservare attentamente queste fatine dei prati per restare stupiti della creatività messa in atto: i loro petali (definiti labelli) sembrano infatti modellati come fossero corpi di insetti, che vengono attratti emettendo una sostanza simile al feromone per compiere l’impollinazione. Flora viene così onorata, con discrezione, dalle prime fioriture impavide, che non temono le bizzarrie dei mesi ballerini. Ci sarà tempo per profumi, colori e grandi infiorescenze dell’imminente estate, ma questo è un altro racconto. Laura Quieti    GUARDA LE IMMAGINI

 
Il Carnevale di Ascoli di - Quieti, Marrone, Maurizio e Di Marco

Ironico, divertente, equilibrato, colorato. Questi aggettivi possono sintetizzare le qualità del carnevale di Ascoli, cui ha partecipato un gruppo di soci de La Genziana domenica sette febbraio 2016. Indomiti e determinati hanno quindi imboccato l’autostrada per puntare diritti verso la loro meta. Per chi non lo sapesse (loro adesso sì) Ascoli non propone nessun carro, nessuna sfilata, ma un unico palcoscenico, grande quanto le piazze della città, un vero e proprio teatro di strada dove ciascuno sceglie se essere protagonista o attore. L’ispirazione delle rappresentazioni, tanto dei gruppi che dei singoli, prende solitamente spunto da fatti o personaggi della cronaca locale o nazionale. Tra i temi scelti per questa edizione i tagli del governo Renzi, lo scandalo dei dipendenti pubblici assenteisti, la crisi occupazionale, e una polemica tutta cittadina sulla scarsa illuminazione delle luci led volute dalla giunta comunale.
Cuore della rappresentazione è la caratteristica Pizza del Popolo, abbellita per l’occasione con enormi lampadari fin de siécle. Su di un tappeto di coriandoli che sembra attutirne i passi gli spettatori si muovono tra le maschere e cono loro interagiscono in base all’argomento trattato. La battuta diventa coinvolgimento, la risata nasce spontanea e il tempo corre veloce verso sera. Si va via con il sorriso sulle labbra e con la convinzione che non occorrono grandi mezzi: basta la giusta inventiva per dare vita all’allegria. Laura Quieti.
GUARDA LE IMMAGINI

 
Cena sociale 2016 La Genziana

Come ogni anno, dopo l'approvazione dell'esercizio precedente e dopo averlo concluso con il tesseramento e l'approvazione da parte dell'assemblea delle attività per il nuovo anno, si procede alla cena sociale per stare sepre più uniti sia nella fotografia che nell'amicizia. Quest'anno siamo stati in tanti, abbiamo trascorso una serata molto bella, ci siamo ritrovati in un buon ristorante che ci ha servito alla fine anche un'ottima torta a noi dedicata. Durante la serata sono stati premiati i tre soci che si sono più distinti per le attività portate a termine nei confronti di tutto il resto ma anch'essi meritevoli in quanto giunti dopo i primi per pochi punti. Ogni anno vediamo il moglioramento da parte di tutti ed è proprio per questo che vogliamo ringraziarli perché ci danno la possibilità di vivere insieme questa bellissima e consolidata esperienza. Grazie a tutti, il DIRETTIVO.  GUARDA LE IMMAGINI.

 
Foto soci La Genziana Natale 2015

Natale è ormai passato ma qualche immagine resterà per testimoniare la sua venuta e la nascita di chi ha salvato il mondo. Spesso anche noi ci divertiamo a fotografare frivolezze e armonie strane. Con queste immagini abbiamo voluto testimoniare l'aria natalizia non solo in Abruzzo ma in giro per l'Italia ed eccoci a mostrare qualche ricordo dal Natale all'Epifania. GUARDA LE IMMAGINI

 
La Genziana a Milano per Henri Cartier-Bresson

La Genziana spicca il volo per Milano. Abbiamo visitato tante mostre fotografiche di grandi autori partendo insieme per condividere le stesse emozioni con l'autobus, con le nostre macchine, con il pulmino a noleggio, ma, stavolta, abbiamo superato noi stessi. Per raggiungere la meta desiderata siamo partiti in aereo da Pescara per Milano. Per alcuni è stato il battesimo dell'aria. Due bellissime mostre ci attendevano, una al Palazzo della Ragione dedicata ai "Grandi Fotografi Henri Cartier-Bresson e gli Altri" e l'altra dedicata a Vivian Maier "Una fotografa ritrovata" in Via Meravigli. E' sempre emozionante osservare le opere dei grandi artisti. Ci fanno sentire piccoli, piccoli ma ci spronano ad affinare il nostro gusto e le nostre idee.

Ci ha sconvolto poi la semplice perfezione delle opere di Vivian Maier, "tata per mestiere, fotografa per passione". Un talento naturale rimasto sconosciuto per tanto tempo. Dopo aver nutrito il nostro spirito con tante opere straordinariamente belle siamo andati in giro per Milano carichi di spunti e siamo andati a caccia di immagini memorabili, tra i Navigli, tra i palazzi di ringhiera, tra gli artisti di strada, tra le vetrine. Di spunti in spunti ci siamo ritrovati a consumare il nostro abbondante spuntino in un grazioso locale dei Navigli. La giornata invernale è stata insolitamente primaverile e fino a sera è stato bello gironzolare per Milano fino all'ora convenuta per riprendere l'autobus che ci portava in aeroporto. Felici e soddisfatti siamo atterrati su Pescara di notte pronti per una prossima nuova avventura da vivere insieme... con ogni mezzo.

GUARDA LE IMMAGINI

 
La Costa dei Trabocchi di - Laura Quieti

Grazie Laura. Grazie perché con le tue immagini hai mostrato ai nostri visitatori la nostra stupenda costa, perché hai ricordato il tragico evento del trabocco Capo Turchino che non doveva finire in quelle condizioni, perché le tue immagini sono degne di una persona attenta, colta e innamorata della fotografia. GRAZIE. Questo il suo racconto. Il 5 novembre 2015 Il Consiglio regionale abruzzese ha approvato all'unanimità l'istituzione del parco naturale regionale "Costa dei Trabocchi" i cui confini vanno dalla zona nord di San Vito Chietino alla zona sud di Rocca San Giovanni e si estende per 6 miglia marine nel tratto di mare prospiciente i due centri del litorale frentano. E’ un tratto di costa abruzzese famoso per la bellezza naturalistica e la varietà paesaggistica, resa ancora più originale dalla presenza dei tanti “trabocchi” già tutelati dalla legge regionale 93 del 1994. Il trabocco (nelle varianti abruzzesi e molisane detto anche bilancia o travocco) è un'antica macchina da pesca tipica della costa adriatica tra Gargano, Molise e Abruzzo, tutelata come patrimonio monumentale anche dal Parco Nazionale del Gargano.

Leggi tutto...
 
Riflessi...oni - di Rossella Poggiali

Ecco un'altra personale, quella di Rossella Poggiali, che viene spesso attratta dai “riflessi”, di ogni tipo e su qualsiasi superficie essi si realizzano e li paragona, giustamente, alle tavolozze dei pittori.
Di seguito alcune sue osservazioni. Grazie Rossella. "I giochi di luce che si creano sulle superfici in movimento, un panorama che si riflette sulla superficie calma di un lago o nell'increspatura del mare in movimento, oggetti e persone che si rispecchiano su qualsiasi materiale capace di restituire l'immagine, per me, hanno un grande fascino. Il desiderio di scoprire, la voglia di emozionare, il gusto di catturare, sono i tre concetti di Helmut Newton che ho cercato e cerco di fare miei, guardando oltre le apparenze. Specialmente con i riflessi, sembra che la fotografia si avvicini molto alla pittura, dove colori, luci ed ombre si fondono creando effetti molto particolari ..." Se vi è una magia in questo pianeta, è contenuta nell'acqua (cit. L.E. ).

GUARDA LE IMMAGINI

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 Succ. > Fine >>

Pagina 4 di 8
دانلود فیلم دانلود فیلم دانلود فیلم خرید vpn خرید کریو خرید کریو خرید vpn